Celebrare i 150 anni dalla nascita di Henry Ford significa anche ricordare le vetture costruite dalla casa da lui fondata che più sono restate nella memoria delle persone.

Dopo la capostitipite Modello T, un’altra delle auto leggendarie costruite dalla Ford è certamente la Mustang. Introdotta nel 1964, è ancora oggi in produzione. Qui uso per la famiglia o il lavoro non c’entrano: contano i cavalli e la velocità. Doti di cui non ha mai fatto difetto. Originariamente equipaggiata da un motore a 6 cilindri in linea da 2.8 litri e 105 cavalli, ben presto passò al classico V8 da 4.3 e poi da 4.7 litri; le potenze passarono da 164 a 271 cavalli, ed era solo il 1966.

Niente a che vedere con ciò che si nascondeva sotto il cofano due anni dopo. Nella versione “Cobra Jet” la cilindrata raggiunse i 7 litri, i cavalli salirono a 335: la definizione più completa di “muscle car”. L’ultima versione della prima generazione Mustang, la “Super Cobra Jet” del 1971, raggiunse i 375 cavalli, sempre su 7 litri.

Oggi la Ford produce la quinta generazione della Mustang. Il modello 2013, nella configurazione top, la Shelby GT 500, scatena 662 cavalli e una coppia massima di 856 Newton metri, prodotti da un propulsore di 5.8 litri. Raggiunge i 325 Km/h. La prossima generazione della Mustang verrà presentata ad aprile 2014, 50 anni dopo la sua nascita.

UN SECOLO E MEZZO DI EVOLUZIONE

Una leggenda dell’automobile

La rivoluzione della catena di montaggio

Il Modello T, l’origine del mito

Il presente e il futuro della casa di Detroit

Nel futuro consumeremo sempre di meno. Parola di Ford