ERTS-Hankook Competition ha chiuso ufficialmente la propria stagione agonistica nel settore rally con la quindicesima vittoria assoluta. Nell’ultimo week-end di dicembre, le vicende per le posizioni di vertice al 23° Rally “Il Ciocchetto”, in provincia di Lucca, sono state completamente caratterizzate dagli pneumatici Hankook, che hanno conquistato due terzi del podio assoluto, con aggiunte anche altre grandi vibranti soddisfazioni.
Il versiliese Nicola Caldani, con al fianco Mometti ed al volante della Ford Fiesta R5 del Team Bernini Rally, ha vinto per la terza volta la gara che si svolge interamente dentro il comprensorio del Ciocco. Caldani è andato a cogliere un risultato estremamente significativo sotto l’aspetto tecnico, oltre che sportivo, ciò in considerazione delle difficoltà del fondo stradale, ricco di insidie e costantemente mutevole di condizioni.

Un dominio assoluto

La cronaca della gara parla chiaro, i colori Hankook l’hanno fatta da padroni: Caldani ha preso in consegna la classifica dopo tre prove speciali, rilevando al comando il “collega” Gabriele Ciavarella, con vettura e gomme analoghe, uscito di strada quando occupava agevolmente la seconda posizione.
Hankook ha fatto suo anche il secondo posto assoluto, andato al fiorentino Paolo Ciuffi, tornato al voltante della Mitsubishi Lancer Evolution Gruppo N del Team Terrosi, la stessa che la settimana prima del “Ciocchetto” lo aveva portato al successo al Rally della Fettunta, sua prima esperienza in collaborazione con Hankook. Ciuffi ha vinto il Gruppo N ed ha consentito ad ERTS-Hankook Competition di occupare quindi due dei tre gradini del podio assoluto, con il terzo andato al lucchese Michelini su Citroen DS3 R5.

Squadra sugli scudi

Il successo “di squadra” è stato completato dalla quinta posizione assoluta del giovane Luca Panzani, uno dei grandi protagonisti del tricolore Junior di quest’anno e membro di Aci Team Italia, che ha debuttato con gli pneumatici Hankook alla guida di una Citroen C2 R2 Max della Next Racing. Panzani ha sempre viaggiato sui ritmi di vetture più potenti ed a trazione integrale, risultato anche il migliore delle trazioni anteriori, traendo ampio giovamento dalla sua nuova esperienza con sensazioni di gomme diverse da quelle usate sino ad ora, su una vettura che già conosceva bene.
Grazie a queste tre performance di alto livello, pur con il rammarico di avere perso per strada Ciavarella, che avrebbe potuto anche conferire un esaltante tris assoluto ai colori Hankook, la stagione sportiva è quindi andata in archivio con la soddisfazione di avere ribadito efficienza del prodotto e continuità di prestazioni in questo caso con tre differenti tipologie di vetture.