Guida autonoma - Per accelerare il mercato delle auto a guida autonoma è nata la Self-Driving Coalition for Safer Streets, una coalizione che mira a spingere le autorità americane federali ad accelerare i provvedimenti destinati a regolare il mercato delle vetture che si guidano da sole. La coalizione è stata creata da Google, controllata di Alphabet, Ford, Uber e la rivale Lyft oltre che da Volvo, controllata dal cinese Zhejiang Geely Holding Group: “Lavoreremo con i legislatori, i regolatori e il pubblico per realizzare benefici sociali e di sicurezza dei veicoli senza conducente” ha dichiarato in un comunicato la Self-Driving Coalition for Safer Streets.

Il portavoce e consulente della coalizione sarà David Strickland, ex funzionario della National Highway Traffic Safety Administration (Nhtsa), l’ente per la sicurezza stradale parte del dipartimento americano dei Trasporti che sta contribuendo alla creazione delle guidance dedicate alle auto a guida autonoma: “Il percorso migliore per questa innovazione è avere una serie ben definita di norme federali. La coalizione lavorerà con i politici per trovare le giuste soluzioni che faciliteranno la diffusione delle auto senza conducente” ha detto Strickland in una nota aggiungendo “la tecnologia delle auto che si guidano da sole renderà le strade d’America più sicure e meno trafficate”.

I cinque gruppi si preparano dunque a fare lobby per lanciare un mercato ancora in fase embrionale. In attesa di presentare un insieme di regolamenti entro l’inizio dell’estate prossima, la Nhtsa terrà nella giornata di mercoledì 27 aprile un secondo forum pubblico (dopo il primo al quartier generale del dipartimento dei Trasporti a Washington, ndr) alla Stanford University, nel cuore della Silicon Valley, dedicato al tema in cui ascolterà commenti da produttori di auto e gruppi tecnologici.