Tra le tecnologie Ford per il prossimo futuro non mancano la guida autonoma e il parcheggio automatico a distanza. L’Ovale Blu sta sviluppando una tecnologia di assistenza alla guida in grado di far muovere autonomamente l’auto nel traffico riducendo lo stress del guidatore e incrementando la sicurezza delle strade. Il sistema Traffic Jam Assist tiene sotto controllo la posizione e il movimento delle auto circostanti e, utilizzando le linee di demarcazione della corsia come riferimento, controlla acceleratore, cambio automatico, freni e sterzo per spostare l’auto in autonomia durante le congestioni del traffico.

Il sistema si attiva alla semplice pressione di un pulsante quando l’auto è ferma nel traffico e per controllare le condizioni di guida si avvale di un radar montato all’interno della griglia anteriore e della telecamera anteriore montata sul parabrezza in prossimità dello specchio retrovisore. Il guidatore può prendere il controllo dell’auto in ogni momento utilizzando i pedali, il volante o attivando gli indicatori di direzione. Al guidatore viene in ogni caso richiesto di tenere sotto controllo l’ambiente circostante e di mantenere il contatto con il volante. In caso contrario, il sistema emette una serie di avvisi, di frequenza variabile in base alla velocità e alla posizione dell’auto rispetto agli altri veicoli.

Il Traffic Jam Assist si avvale di ulteriori tecnologie in fase di sperimentazione come il controllo adattivo della velocità di crociera con Stop&Go (Adaptive Cruise Control with Stop&Go) e il sistema di assistenza al centramento in corsia (Lane Centering Aid, evoluzione dell’attuale sistema Lane Keeping Aid), aiuta invece il guidatore a posizionarsi esattamente al centro della corsia, e di mantenere costante la traiettoria rispetto alle relative linee di demarcazione. Con la pressione di un pulsante, il controllo adattivo della velocità di crociera con Stop&Go tiene sotto controllo la distanza di sicurezza del veicolo che precede. Rispetto ai sistemi tradizionali, questa tecnologia può anche rallentare l’auto fino a fermarla, e accelerare per farla ripartire.

Per quanto riguarda il parcheggio remoto, la nuova generazione di Active Park Assist è in grado di eseguire le manovre di parcheggio in completa autonomia e perfino a distanza, con la pressione di un pulsante. Ford ha sviluppato questo sistema in considerazione del rapporto tra spazi di parcheggio e dimensioni delle auto: negli ultimi 40 anni l’ingombro dei veicoli è cresciuto, in media, del 25%, mentre gli spazi di parcheggio sono spesso rimasti costanti. Con il Remote Park Assist diventerà più semplice parcheggiare in perpendicolare nei garage più stretti o in quelli affollati dei centri urbani.