Secondo le prime indiscrezioni fornite da Bloomberg, sito di informazione che si occupa soprattutto di finanza e tecnologia, Fiat Chrysler Automobilies e Uber, la società che offre un servizio di noleggio con conducente da sempre concorrenziale a quello effettuato dai tassisti, stanno trattando i termini per una collaborazione nel settore della guida autonoma.

La notizia della possibilità di collaborazione tra Uber e FCA, oltre ad essere stata riportata da Bloomberg è stata anche scritta dal Wall Street Journal, una fonte autorevole livello mondiale, non certo il primo arrivato. I dettagli della trattativa non sono ancora stati resi noti ma si delinea una collaborazione molto interessante tra le due aziende.

L’obiettivo delle due aziende è quello di trovare ulteriori alleati per aumentare sensibilmente gli investimenti per portare avanti la tecnologia della guida autonoma che sarà, con tutta probabilità, il business dei prossimi 5/10 anni. La possibilità che Fiat e Uber si mettano insieme per uno scopo comune non è per nulla lontana e anzi non si fermeranno al loro tavolo di trattativa ma cercheranno nuovi investitori importanti.

L’interesse di Fiat Chrysler verso la guida autonoma lo ha ampiamente dimostrato con l’accordo siglato con Google nei primi giorni del mese di maggio anche solo limitato alla fornitura di 100 automobili a guida autonoma. Queste vetture, presenti nell’accordo, verranno utilizzate in test focalizzati su questa nuova tecnologia da Google sulle strade della Silicon Valley.

L’accordo con Uber, secondo Bloomberg, potrebbe chiudersi entro la fine dell’anno corrente essere ufficializzato entro fine anno e gli obiettivi di FCA sono quelli di trovare aziende che portano innovazione nel mondo dell’automotive e del mondo IT per poter sviluppare un nuovo modo di concepire il trasporto automobilistico.