Grosjean è uno di quei giovani che ha saputo non illudere i fan della Lotus, quelli che galvanizzati dal rientro di Raikkonen hanno subito capito che la scuderia aveva una grossa opportunità nella stagione in corso. Adesso il francese aspira alla sua prima vittoria. 

Grosjean ha debuttato con la Renault ma il suo primo anno in formula 1, nel 2009, è stato a dir poco traumatico. Invece adesso, la seconda opportunità che gli arriva dalla stessa scuderia che ha cambiato nome e si presenta sotto il vessillo della Lotus, è davvero sfruttata bene.

Il giovane francese si è dimostrato un vero cannibale e nella prima parte della stagione ha portato a casa ben tre podi, in Bahrain, in Canada e in Ungheria. Nella classifica iridata occupa la settima posizione con 79 punti che per un debuttante, in fondo, è davvero tanto.

E’ appaiato a Jenson Button che nel suo carnet ha anche un titolo iridato. Tutta gloria per Grosjean che adesso, però, aspira a salire sul gradino più alto del podio:

La vittoria non è un’ossessione ma un obiettivo concreto che Lotus si è posta nel corso della stagione, avendo potuto constatare il potenziale della E20. Inoltre sarebbe fantastico poter emulare Ayrton Senna: vinse la prima corsa della carriera in F1 al volante della Lotus ed è anche stato l’ultimo pilota a vincere con questo marchio glorioso. Voglio succedergli in questa particolare classifica, ci terrei molto e sarebbe motivo di grande orgoglio per me!