Se le aspettative di questo GP di Singapore dovessimo valutarle in base al weekend di prove libere e di qualifiche, allora abbiamo ragione di credere che ne vedremo davvero delle belle perché questa esperienza in notturna sul tracciato di Marina Bay ha regalato già grandi emozioni. Dopo la delusione di Monza si erano intravisti vividi bagliori di riscatto nelle Ferrari che, soprattutto con Fernando Alonso, riuscivano a dimostrarsi competitive con lo spagnolo che capace d’imporsi su tutti nella prima e nella terza sessione di prove libere. Il più nascosto di tutti, sornione, quasi pigramente defilato nei box Mercedes avvolto dalla notte di Singapore e dalle ombre di una stagione da primo della classe con tante, troppe cose da farsi perdonare dal suo team ai danni di un compagno di squadra che ormai non lo vede più come un rivale ma come un nemico, Nico Rosberg è tornato prepotentemente a far parlare di sé infilando un tempo da capogiro e mettendo in riga tutti. Tutti tranne Lewis Hamilton che invece le luci da rock star da prima pagina le aveva già assaporate nel weekend delle libere di Singapore. Un Hamilton che ha saputo trasformare la rabbia in grinta, andandosi a conquistare la sua settima pole stagionale, strappandola dalle grinfie del tedesco. Recuperano posizioni e credibilità anche Ricciardo e Vettel, rispettivamente terzo e quarto in griglia in barba a un weekend praticamente anonimo con le Ferrari che ancora una volta stanno a guardare. Alonso finisce quinto e Raikkonen settimo, preceduto da Massa.

Griglia di partenza

Pos No Pilota Team Q1 Q2 Q3 Giri

1 44 Lewis Hamilton Mercedes 1:46.921 1:46.287 1:45.681 17
2 6 Nico Rosberg Mercedes 1:47.244 1:45.825 1:45.688 19

3 3 Daniel Ricciardo Red Bull Racing-Renault 1:47.488 1:46.493 1:45.854 12
4 1 Sebastian Vettel Red Bull Racing-Renault 1:47.476 1:46.586 1:45.902 15

5 14 Fernando Alonso Ferrari 1:46.889 1:46.328 1:45.907 16
6 19 Felipe Massa Williams-Mercedes 1:47.615 1:46.472 1:46.000 20

7 7 Kimi Räikkönen Ferrari 1:46.685 1:46.359 1:46.170 14
8 77 Valtteri Bottas Williams-Mercedes 1:47.196 1:46.622 1:46.187 18

9 20 Kevin Magnussen McLaren-Mercedes 1:47.976 1:46.700 1:46.250 18
10 26 Daniil Kvyat STR-Renault 1:47.656 1:46.926 1:47.362 21

11 22 Jenson Button McLaren-Mercedes 1:47.161 1:46.943 12
12 25 Jean-Eric Vergne STR-Renault 1:47.407 1:46.989 14

13 27 Nico Hulkenberg Force India-Mercedes 1:47.370 1:47.308 13
14 21 Esteban Gutierrez Sauber-Ferrari 1:47.970 1:47.333 9

15 11 Sergio Perez Force India-Mercedes 1:48.143 1:47.575 13
16 8 Romain Grosjean Lotus-Renault 1:47.862 1:47.812 14

17 99 Adrian Sutil Sauber-Ferrari 1:48.324 6
18 13 Pastor Maldonado Lotus-Renault 1:49.063 8

19 17 Jules Bianchi Marussia-Ferrari 1:49.440 7
20 10 Kamui Kobayashi Caterham-Renault 1:50.405 8

21 4 Max Chilton Marussia-Ferrari 1:50.473 7
22 9 Marcus Ericsson Caterham-Renault 1:52.287 5

(Foto: Facebook)

LEGGI ANCHE

Formula 1 Ecclestone: “Tre monoposto in gara per ogni team”

Bilancio Ferrari 2014: l’addio di Montezemolo nel record storico per Maranello

Marchionne Montezemolo: la conferenza show nasconde i veri motivi del cambio