I grandi attesi della giornata non hanno mancato all’appuntamento con i fan. Alonso, Vettel ed Hamilton sono stati i protagonisti del gran premio di Montréal ma non sono finiti sul podio per una cattiva gestione delle gomme. E gli altri piloti come sono andati?

Alonso, sul finale di gara, si è fatto superare anche da Vettel e non per una sorta di depressione psicologica iniziata quando Hamilton, superandolo, si è riportato alla testa della gara. Secondo lo spagnolo di Maranello, comunque, un tentativo andava pur fatto.

Scorrendo la classifica dei primi dieci di Montréal troviamo in sesta posizione Nico Rosberg che dopo il ritiro di Schumacher prova a tenere alto, da solo, il buon nome della Mercedes. Sottotono in settima posizione Webber che ha tamponato gli attacchi dalle retrovie ai danni del suo compagno di squadra, già in difficoltà.

L’ottava posizione spetta invece ad un deluso Raikkonen che, visto il podio conquistato dal compagno di squadra, riflette sul fatto che avrebbe potuto fare di più. Invece nella top ten del Gran Premio canadese riesce a fare meglio soltanto di Kobayashi, che chiude in nona posizione, precedendo Felipe Massa.

Il ferrarista si può consolare almeno di essere andato a punti e di aver superato l’incidente della prima curva: un testacoda che ah compromesso sia le gomme che la corsa.