La tradizione sportiva di Mazda è al centro dell’attenzione in questa edizione del Goodwood Festival of Speed. L’elemento centrale della manifestazione motoristica annuale è una scultura spettacolare di 40 metri di altezza che si trova di fronte alla Goodwood House con due piloti Mazda che esplodono nel cielo su una pista in torsione di travi in ​​acciaio.

Ispirato al design KODO di Mazda – Soul of Motion, la creazione dell’artista Gerry Judah trasmette una grazia e agilità che nascondono la complessità dell’impianto, che è fatta da 120 tonnellate di acciaio.

Ognuna delle 418 travi in ​​acciaio è accatastato con un angolo diverso, arricciando la struttura in modo che le macchine in alto effettivamente pendano verso gli spettatori sottostanti.

Celebrare lo spirito di Mazda, la sua caratteristica centrale che onora anche la tradizione sportiva di una casa automobilistica che ha avuto inizio in Europa alla fine del 1960, quando Mazda cercava di dimostrare e promuovere i suoi motori rotativi in ​​un ambiente difficile come quello delle corse competitive.

Da allora, Mazda ha vinto più di 100 gare IMSA, due British Touring Car Championship e tante gare di durata come la 24 ore di Daytona, Spa e Le Mans. La più famosa vittoria è stata la 24 Ore di Le Mans nel 1991 con la celebre Mazda 787B – una delle due vetture presenti sulla scultura.

L’altro è il Mazda LM55 Vision Gran Turismo. Creato per Gran Turismo 6, una simulazione di guida del gioco per PlayStation, il LM55 fa il salto a Goodwood da corridore virtuale al concetto fisico.