Si è spento domenica all’età di 66 anni Giancarlo Martini, ex pilota ufficiale della Ferrari negli anni ’70. Il ruspante romagnolo iniziò a correre grazie a un giovane manager di nome Gian Carlo Minardi ed era zio del più celebre Gianpiero che corse anch’egli con la Minardi in F1.

Martini (foto motorsportrants.com) soffriva di una rara malattia che da tempo lo costringeva in ospedale. Pilota di Formula 2 ha ottenuto importanti risultati con la rossa che ha anche collaudato in alcuni GP, mentre dopo le corse aveva aperto un’attività imprenditoriale diventando titolare dello stabilimento frigorifero Cofrimar.

Gian Carlo Minardi lo ricorda così: “All’età di 66 anni ci lascia non solo un grande uomo di sport ed un grande imprenditore, ma soprattutto un amico dal cuore immenso e buono d’animo. Un amico col quale ho condiviso tanti successi e la passione per il mondo delle corse. Un caloroso abbraccio va alla moglie Paola e ai figli Jacopo, Benedetta e Donata”.

Lontanissimo dal prototipo del pilota di oggi un “gentleman driver che il lunedì mattina andava al mercato, dove comperava ossa di animali per fare il concime - diceva Minardi - Poi il sabato e la domenica faceva il pilota. Fumava molto, si allenava poco. Ma era bravo e coraggioso”.