General Motors ha annunciato l’effettuazione di un richiamo globale che interesserà 4,3 milioni di veicoli distribuiti in vari mercati. L’azione del gruppo di Detroit si è resa necessaria per sistemare un difetto potenzialmente in grado di rendere inefficaci gli airbag e i pretensionatori delle cinture di sicurezza.

La campagna di richiamo di General Motors è frutto di un’indagine condotta in seguito a un incidente con vittima e feriti e coinvolge vetture, SUV e pick-up distribuiti con i vari marchi facenti parte del gruppo americano.

A quanto spiegato, il difetto consiste in un bug del software della centralina la cui correzione richiederà una completa riprogrammazione da parte delle officine autorizzate. Una parte dei modelli interessati è stata costruita tra il 2014 e il 2016. Tra questi ci sono Chevrolet SS, Chevrolet Spark EV, Chevrolet Corvette, Chevrolet Trax, Chevrolet Caprice, Chevrolet Silverado 1500, Buick LaCrosse, Buick Encore e GMC Sierra 1500.

Sono inoltre oggetto del richiamo anche diversi modelli usciti dagli stabilimenti GM a partire dal 2015 come Chevrolet Tahoe, Chevrolet Suburban, Chevrolet Silverado HD, Cadillac Escalade, Cadillac Escalade ESV, GMC Yukon, GMC Yukon XL e GMC Sierra HD.

Il costruttore americano ha comunicato che la maggior parte dei veicoli richiamati, ovvero circa 3,6 milioni di esemplari, è stata venduta sul negli USA. Tutti i clienti saranno avvisati da GM tramite i consueti canali di contatto diretti.