Alonso è un grande campione, stavolta ha dalla sua anche una macchina performante. Ma non basta, Alonso è un campione intelligente con una squadra che lo sostiene in tutto e per tutto anche nella definizione della strategia di gara. Ecco allora come possiamo interpretare le sue qualifiche a Spa. 

Le qualifiche di Spa hanno consacrato Jenson Button e dimostrato che a livello motoristico è molto interessante il percorso fatto dalla Sauber che nei primi cinque posti piazza i suoi due uomini: Kobayashi secondo e Perez quinto. Proprio davanti al campione del mondo che precede tutti gli altri big, tutti i piloti interessati al titolo iridato. 

Alonso dimostra così di aver iniziato a calcolare nei minimi dettagli le sue performance. Non più solo il cuore il pista, quello che gli ha garantito il primato virtuale, ma anche tanta strategia. La Ferrari, in effetti, non è andata benissimo.

Il suo quinto posto è provvidenziale ma il compagno di squadra, Massa, partirà addirittura 14esimo e questo vuol dire che a meno che non ci siano grossi cambiamenti, il brasiliano non sarà d’aiuto alla squadra.

Di buono c’è che tutti gli avversari di Alonso sono dietro: Hamilton è settimo preceduto dallo squalificato Maldonado, le Red Bull di Vettel e Webber sono rispettivamente decima e undicesima. Bisogna fare giusto attenzione a Raikkonen alla ricerca della prima vittoria stagionale.