Il primo appuntamento della stagione motociclistica è stato quello in Qatar, un circuito molto avvincente e giocato in modalità notturna. Un particolare che ha reso la competizione ancora più interessante.

Le moto al via facevano pensare al solito copione, salvo poi constatare la voglia di vincere di Lorenzo.

Lo spagnolo della Yamaha, alla fine, aveva conquistato anche la pole per questo è partito in prima posizione in Qatar e non si è fatto subito sorprendere dal guizzo di Stoner. Tutti gli Honda, Pedrosa compreso, hanno iniziato l’assalto al primo posto un secondo dopo la partenza.

Pedrosa, dal settimo posto che aveva rimediato durante le qualificazioni, è arrivato in seconda posizione dopo appena due curve e a confermare la velocità della moto e la determinazione del pilota, è bastato il primo rettilineo.

Dopo qualche giro Lorenzo è scavalcato da Stoner e Pedrosa. L’australiano si libera immediatamente degli avversari allungando e in pochi giri accumula un vantaggio rassicurante. Intanto coinvolge gli spettatori anche la lotta per il quarto posto ingaggiata da Dovizioso e Crutchlow, quest’anno compagni di squadra.

Nell’ultimo terzo di gara, però, le migliorie della Yamaha vengono a galla: Lorenzo ha delle gomme che si usurano di meno e gli consentono manovre più audaci sul tracciato. A tre giri dalla conclusione, Lorenzo va in testa. Stoner, in difficoltà, è superato anche dal compagno di squadra e chiude in terza posizione.