Un motorino tutto nuovo, bello e funzionante, parcheggiato proprio a due passi da una strada poco illuminata. Quello appena descritto è un boccone appetitoso per i ladri della Capitale.Non è un gioco di parole ma soltanto un modo simpatico per descrivere una situazione abbastanza grave che colpisce molte regioni italiane a partire proprio dal Lazio: il furto di moto e auto. Anche se i numeri sono ancora elevati, però, si può dire che la quota sia in calo.

Ecco i dettagli dell’indagine riportata da un autorevole quotidiano online.

Per prima cosa diamo un dato giornaliero: ogni giorno sono rubati in Italia più di 106 motocicli, scooter o vetture di cilindrata maggiore. I numeri sono quelli ufficiali, forniti dal Ministero dell’interno e usati a fini statistici dalla LoJack Italia.

Questa realtà sembra però in calo, ovvero stanno diminuendo i numeri di auto e moto rubate anche se i posti in classifica, guadagnati negli anni dalle regioni, non sono affatto cambiati.

A capitanare la lista delle Regioni in cui avvengono i maggiori furti, c’è sempre il Lazio con 10.421 casi denunciati che rappresentano il 25 per cento dei furti totali.

Seguono la Sicilia con 5953 furti, la Lombardia con 5.609 casi denunciati e infine la Campania con 5.595 casi. Poi ci sono le altre Regioni in cui i furti sono sì in buon numero ma la percentuale non ha ancora sfiorato la soglia di preoccupazione. Si tratta del Molise e della Valle d’Aosta.