Per tutto il fine settimana il nome più ricorrente nel box Lotus è stato quello di Romain Grosjean che praticamente ha primeggiato in ogni fase di qualificazione. Il ragazzo di origini svizzere è stato però sfortunato in pista, dove a raccogliere un ottimo risultato per la squadra c’era un irriducibile Kimi

Raikkonen è secondo sul traguardo, proprio dietro al protagonista della giornata, Alonso. Anche lui è stato un pilota Ferrari, come anche Schumacher, sul terzo gradino del podio. Che strana coincidenza! A parte questo Raikkonen ha convinto la squadra, molto concentrata sul giovane Grosjean.

Il finlandese è sempre stato dietro a Romain, in ogni passaggio a Valencia, nelle qualifiche, nelle prove libere ed anche sulla griglia di partenza. Ma l’esperienza di Raikkonen non l’ha fatto sbagliare e lo ha accompagnato sul traguardo.

Grosjean, invece, si è dovuto arrendere davanti ad un problema riscontrato nel motore. Una cosa che lo ha accomunato a Vettel. Entrambi sono motorizzati Renault. Ecco cosa ha detto Romain alla fine del Gran Premio di Valencia:

Purtroppo si è rotto qualcosa sulla macchina.  E’ stata una bella corsa, speravo di vincerla. Voglio vedere il lato positivo del week end nonostante il ritiro: siamo stati sempre veloci. Adesso continueremo a lavorare sulla macchina, in questa gara abbiamo capito molte cose. E Silverstone potrebbe adattarsi bene alla nostra monoposto.