Nelson Piquet è il primo campione di Formula E, il nuovo Mondiale con le monoposto elettriche. La prima edizione della Formula E che negli ultimi mesi hanno corso in circuiti provvisori allestiti di volta in volta nel centro delle città ospiti. Al figlio e omonimo del tre volte campione del Mondo di Formula 1, è bastato il settimo posto nella gara finale al Battersea Park di Londra per precedere in classifica Sebastien Buemi di un solo punto. Il pilota brasiliano del Jr del Team China Racing è diventato campione del mondo dopo una lotta serrata con il pilota elvetico della e.dams Renault, fino a sabato favorito. A decidere le sorti del Mondiale, un altro figlio d’arte e connazionale di Piquet, Bruno Senna. Il nipote del grande Ayrton, in gara con il team indiano Mahindra Racing, non ha mai ceduto la quarta posizione a Buemi che non è riuscito a conquistare il punto decisivo per il sorpasso iridato.

Piquet Jr era più passato alla storia per le sue dichiarazioni secondo cui era finito fuori pista al GP di Singapore del 2008 su ordine di Flavio Briatore per favorire Fernando Alonso. Ora anche lui ha il suo meritato momento di gloria. Renault, unica tra le grandi case presenti insieme ad Audi, si consola con il titolo costruttori vinto tra i 10 team iscritti al Mondiale (20 le auto). La gara è stata vinta dall’inglese Sam Bird, ex collaudatore della Mercedes F1, per la Virgin Racing che ha annunciato domenica la sua fornitura dal 2016 con DS.

A proposito di Virgin Racing, il grande capo Richard Branson, nel pre-gara dell’ePrix di Londra, ha spiegato che nel giro di quattro o cinque anni, la Formula E riuscirà a raggiungere il mondo della Formula 1 in termini di audience: “Il motore a combustione interna è ormai una roba obsoleta e non vedo l’ora di vivere il futuro: tecnologia, innovazione e prestazione sono i paletti cardine su cui stiamo impostando lo sviluppo della categoria. Ben presto il mondo imparerà a conoscere fino in fondo la Formula E”. Dietro a Bird si sono piazzati Jerome d’Ambrosio e Loic Duval del sorprendente team Dragon Racing.

Formula E Londra, classifica piloti finale

1. Nelson Piquet (Nextev TCR), 144 punti
2. Sébastien Buemi (e.dams-Renault), 143
3. Lucas di Grassi (Audi Sport Abt), 133
4. Jérôme d’Ambrosio (Dragon Racing), 113
5. Nicolas Prost (e.dams-Renault), 88
6. Sam Bird (Virgin Racing), 103
7. Jean-Eric Vergne (Andretti), 70
8. Antonio Felix da Costa (Amlin Aguri), 51
9. Loic Duval (DragonRacing), 42
10. Bruno Senna (Mahindra Racing), 40

Formula E Londra, classifica team finale

1. e.dams-Renault, 232 punti
2. Dragon Racing, 171
3. Audi Sport Abt, 165
4. Nextev TCR, 152
5. Virgin Racing, 133
6 Andretti, 119
7. Amlin Aguri, 66
8. Mahindra Racing, 58
9. Venturi, 53
10. Trulli, 17