Se c’è un pilota che più di tutti crede ancora che sia possibile battere le Mercedes, quello è sicuramente Sebastian Vettel, che sembra essere tornato il fenomeno visto sulla Toro Rosso e sulla Red Bull, considerato che è quasi sempre andato a podio, ottenendo anche una storica vittoria in Malesia.

Ebbene, il campione tedesco è sempre con il fiato sul collo delle frecce d’argento, e in più di un’occasione è riuscito a sopravanzarne almeno una. Così, è ansioso di riprendere la caccia ad Hamilton e Rosberg confidando nel nuovo motore.

Ovviamente la speranza è che il nuovo motore sia un passo in avanti nella giusta direzione e ci avvicini alla Mercedes. Però non aspettiamoci miracoli da un giorno all’altro”. Queste le dichiarazioni del pilota della Ferrari, che, in un secondo momento ha spiegato la decisione di portare la nuova unità a Montreal. “Tutti possono sviluppare il motore, noi abbiamo deciso di spendere i primi aggiornamenti qui a Montreal, quanto tempo ci vorrà per recuperare è difficile da dire, ma se continuiamo come stiamo facendo sono convinto che la Mercedes sia raggiungibile”.

Dunque, Vettel è consapevole che il gap prestazionale sia riducibile e questo fa sperare i tifosi della rossa. “Sono tanti i motivi per continuare a sognare, abbiamo validi tecnici, ci serve un po’ di tempo ancora, ma non dimentichiamoci che siamo partiti bene: abbiamo ottenuto tanti podi e vinto in Malesia, per certi aspetti è stato un sogno che si è avverato. La Ferrari ha svolto un lavoro incredibile, mi ha aiutato tanto a tirare fuori il massimo del mio potenziale”.

Parole che creano aspettative, non c’è dubbio, ma evidentemente la Ferrari sta procedendo nel verso giusto, nonostante le dichiarazioni di Alonso e di Briatore che vedono i risultati ottenuti dalla squadra di Maranello il frutto dei demeriti degli altri team.

Quindi non resta che vedere cosa succederà a Montreal, dove qualche segnale sulle forze in campo arriverà senza dubbio dalle prove libere e dalle qualifiche del gran premio di formula 1.