Il mercato piloti in formula 1 è sempre nel vivo, e non riguarda esclusivamente le prime guide, ma anche dei driver che potrebbero subentrare a stagione in corso, e che comunque potrebbero essere utili allo sviluppo della monoposto.

Ne sa qualcosa la Williams che ha ufficializzato l’ingaggio di Adrian Sutil, che andrà a far parte della squadra di Grove dopo aver accumulato una notevole esperienza nella massima formula. In effetti, la gara di Melbourne dove Bottas si è infortunato, ha creato non pochi interrogativi all’interno del team, che hanno condotto a questa decisione.

Non è un mistero infatti, che i piloti di riserva siano Susie Wolff e Alex Lynn, driver entusiasti e pronti a dimostrare il loro valore, ma non certo esperti come Sutil, che può contare su un curriculum di 129 presenze nelle gare di formula 1.

Quindi alla Williams hanno preferito avere in squadra una figura concreta e con tanti gran premi alle spalle, nel caso in cui uno dei due piloti titolari dovesse avere qualche problema. Oltre tutto, Sutil aveva terminato il suo rapporto di lavoro con la Sauber, quindi, per usare un gergo calcistico, era a parametro zero.

Considerando la situazione attuale, con Bottas e Massa pronti a gareggiare in Malesia, il pilota teutonico sarà impiegato al simulatore ed indosserà i colori ufficiali del team di Grove per seguirlo in trasferta durante le gare del 2015.

Quindi, aspettiamoci di vederlo spesso in televisione, nelle inquadrature del box Williams, come una presenza fissa che, rispetto alle stagioni scorse, trascorrerà più tempo nel paddock che nella monoposto. “Sono molto orgoglioso di entrare a far parte di un team importante come la Williams. Lavorare con Sir Frank Williams ed il suo team significa molto per me”. Ha spiegato in alcune dichiarazioni Sutil. “Vorrei ringraziare tutta la squadra per la fiducia che ha dimostrato nelle mie qualità e per l’opportunità di lavorare con un team di successo”. Così, dopo la Spyker, la Force India e la Sauber, ecco che inizia un’altra avventura per il pilota tedesco, anche se non sarà tra i titolari, per il momento.