La gara di Formula 1 del Messico per Kimi Raikkonen è diventata un brutto ricordo, anche per via di quel contatto con Bottas che l’ha costretto a ritirarsi mentre risaliva posizioni per puntare al podio. Ma Iceman aveva dei sospetti, più che legittimi dopo l’incidente di Sochi che ha visto protagonisti i due finlandesi.

“Beh, ho perso una ruota e l’ho colpito, ma come ho sempre detto ci sono due modi diversi per guardare le cose. Queste sono le gare. Mi aspettavo che sarebbe potuta accadere una cosa simile dopo Sochi, alcuni non dimenticano certe cose. Non cambia nulla se l’ha fatto di proposito. Da parte mia non cambia nulla per il futuro”.

Quindi un Raikkonen che continua a dimostrarsi di ghiaccio e pensa, chiaramente, ai prossimi appuntamenti per buttarsi questa gara alle spalle. “E’ stato un weekend negativo perché tutto è girato per il verso sbagliato, ma avevamo la velocità. Siamo stati coinvolti in situazioni sfortunate sia io che Seb. Come team non abbiamo perso nulla, è stato solo un weekend difficile ma possiamo riprenderci già dalla prossima gara. Cercheremo di chiudere in modo positivo la stagione ma non è la sensazione migliore per il team quando entrambe le vetture non finiscono la gara”.

Insomma, l’ennesima corsa sfortunata per Kimi, che questa volta si trova in compagnia di Vettel, anche lui incappato in una gara estremamente negativa, tanto da finire sulle protezioni con la sua monoposto. Chiaramente, questo non può consolare il finlandese, da qualche tempo in palese difficoltà, ma almeno non lo pone tra i principali imputati per il disastro messicano della Ferrari.

Forse le prossime gare potrebbero fornirci un Raikkonen finalmente all’altezza delle sue grandi qualità di guida, non rimane che attendere gli ultimi appuntamenti, sperando che la Ferrari non incappi in problemi tecnici, come quelli occorsi al finlandese venerdì, o in contatti di gara poco fortunati.