Non è un Lewis Hamilton rilassato, quello che si presenta a Melbourne per il primo gran premio di Formula 1 2016. Il campione del mondo in carica, abituato da 2 stagioni a dominare la scena, si sente insidiato, minacciato, proprio da quella Ferrari che arrancava dietro le frecce d’argento fino all’anno scorso.

“Credo che in questa stagione le prestazioni delle vetture saranno più vicine rispetto agli ultimi due Mondiali. Penso inoltre che la Ferrari abbia tenuto nascosto una parte del suo reale potenziale”. Così, parlò Hamilton alla vigilia della gara australiana, consapevole che la Casa di Maranello ha lavorato duro durante l’inverno.

Quindi, già da Melbourne, secondo il campione del mondo, potrebbero esserci delle sorprese, che poi è proprio quello che il pubblico vorrebbe vedere, per assistere ad un campionato meno noioso di quelli precedenti, che hanno avuto un unico dominatore dall’inizio alla fine. Dopo tutto, il duello con Vettel, auspicato dallo scorso anno, per rievocare le gesta delle battaglie in pista tra i grandi nomi del passato, potrebbe diventare presto realtà e forse non sarà così divertente come Hamilton poteva pensare dall’alto della supremazia Mercedes del 2015.

Certo, per il momento anche quelle del campione del mondo, in merito allo stato di forma della Ferrari, sono solamente delle impressioni, e chissà che non siano una sorta di tatticismo per non svelare, fino all’ultimo momento, il reale potenziale della Mercedes, che durante i test ha accumulato chilometri, ma non ha mai mostrato di cosa è capace quando cerca la prestazione pura.

Tutto verrà svelato già dalle prove di sabato, dove non sarà più possibile nascondersi, pena l’eliminazione e l’esclusione dalla lotta per la pole position, che Hamilton sa bene come conquistare, visto che spesso è il più veloce sul giro singolo. L’attesa quindi si fa ancora più spasmodica, e la Formula 1 torna a calamitare un certo interesse, almeno in questa vigilia.