Uno dei piloti storici della Formula 1, Chris Amon, ci ha lasciato, lo ha reso noto la sua famiglia attraverso un comunicato. “Chris se n’è andato oggi dopo aver combattuto contro il cancro negli ultimi anni, durante i quali non solo ha mantenuto il suo interesse per la Formula 1, ma anche il suo meraviglioso senso dell’umorismo e la risata contagiosa”.

5 pole position, 83 punti, 11 podi e 3 giri veloci, questo il bottino in Formula 1 del pilota che iniziò a vincere in Nuova Zelanda prima di approdare in Europa e dedicarsi alla massima formula, dove nel 1967 divenne pilota ufficiale Ferrari.

Appiedato dal team Ensign, per essersi rifiutato di correre alla ripartenza del tragico GP del Nurburgring del 1976, quello del terribile incidente occorso a Niki Lauda, Amon, che non vinse mai in Formula 1, ottenne diversi successi con i prototipi, tra cui una prestigiosa 24 Ore di Le Mans nel 1966.

Terminato il tempo delle corse, Amon fece ritorno in Nuova Zelanda, dove era a capo di un allevamento di pecore di notevole importanza. Oggi, nonostante il numero zero nella casella delle vittorie in Formula 1, il pilota in questione è ricordato con affetto dagli appassionati, che piangono la sua scomparsa.