La gara di Rosberg in Barhain doveva essere quella del riscatto, quella capace di riportarlo in carreggiata, magari battendo Hamilton, e invece è stata l’ennesima beffa, e il pilota tedesco si è ritrovato terzo dietro alla Ferrari di Kimi Raikkonen.

Così, adesso, visto il distacco di Hamilton, nel team Mercedes dovranno per forza di cose stabilire delle gerarchie, e Nico, che l’anno scorso è stato a lungo l’unico avversario di Lewis, potrebbe ritrovarsi a recitare il ruolo di gregario: una bocciatura in piena regola per un pilota di ben altre ambizioni.

Ma nel gran premio di formula 1 del Bahrain Rosberg ha dato spettacolo, sorpassando ben 4 volte le Ferrari, e riuscendo, in alcuni frangenti, persino a ridurre il gap da Hamilton. Poi, alla fine, un problema ai freni l’ha rallentato, favorendo il sorpasso ai suoi danni ad opera di Raikkonen.

“E’ un vero peccato essere stato scavalcato a due giri dalla fine. Solo due giri! Purtroppo il problema ai freni è emerso all’improvviso altrimenti avrei cercato di gestirlo, e invece il guaio si è manifestato quando sono finito lungo con Kimi: non avevo altra alternativa che andare dritto e girare a largo”.

Affermazioni che spiegano una manovra che era apparsa, in diretta tv, come un errore del tedesco sotto pressione. “Kimi era nel mio punto cieco dello specchietto per cui non avevo idea di dove fosse effettivamente, altrimenti avrei provato a difendere di più la mia posizione sul ferrarista, mentre non ho potuto fare proprio niente. L’epilogo della gara è stato molto deludente, perché ero riuscito a passare le “rosse” con un certo piacere”.

Eppure in partenza, il piacere era stato di Iceman, che ha sopravanzato Rosberg per la prima volta in gara per boi beffarlo di nuovo nel finale. “Dopo la partenza ero molto deluso per essere finito al quarto posto – ammette Rosberg – ma non mi sono demotivato, perché ho deciso di combattere, ma vedevo Lewis davanti che si stava allontanando e la cosa non mi è piaciuta affatto. Poi ho lottato con le Ferrari ed ero convinto di poter portare a casa il secondo posto, finchè non è emerso il guaio ai freni”.

Dunque, Rosberg è più determinato che mai, ma nonostante il suo impegno, complice qualche guaio meccanico, non riesce ancora ad avere una chance per sopravanzare Hamilton in questa stagione.