Alla fine, dopo l’ennesima doppietta in formula 1, ed in seguito alla scelta di Hamilton, capace di rientrare ai box nel momento giusto per montare le gomme intermedie, Rosberg si è complimentato con il suo compagno di squadra, pur sapendo che la distanza in classifica è aumentata a 17 lunghezze.

“È stata una bella corsa. ho spinto per cercare di riprendere Lewis, ma il distacco era notevole. Le condizioni anche oggi erano molto difficili, con le Williams che si erano messa davanti all’inizio, ma comunque riuscivo ad andare discretamente. Me la potevo giocare per la vittoria, ma alla fine lui ha fatto la mossa giusta. Ho perso, ormai è andata così. Complimenti a Lewis che ha meritato di vincere perché ha fatto un gran lavoro tutto il weekend”.

Ecco, il rapporto tra i due sembra essere tornato più che cordiale, come dimostrano le strette di mano e le pacche sulle spalle fuori dall’abitacolo, evidentemente alla Mercedes devono aver parlato chiaramente ai due, in seguito ai malumori di Lewis ed alle vittorie di Nico.

Quindi, amici come prima, anzi più di prima, in attesa che la prossima incomprensione riporti il gelo tra i due. Il rapporto tra compagni di squadra, con una vettura capace di surclassare tutte le altre tra le mani, risulta difficile, ed è normale che entrambi vorrebbero vincere.

Dopo la vittoria di Rosberg in Austria, è arrivata quella di Hamilton in Inghilterra, e, come in quella occasione, sono arrivati i complimenti del secondo a tagliare il traguardo, un nuovo stile Mercedes, un copione che si rinnova, che suona meglio rispetto ai musi lunghi visti in precedenza, anche se il pubblico, indipendentemente dagli atteggiamenti fuori dall’abitacolo vorrebbe vedere il duello consumarsi in pista.

Comunque, la speranza è che il distacco in classifica non aumenti ancora, altrimenti Hamilton prenderà il largo nel campionato piloti, e le gare diventeranno poco più che una formalità da sbrigare nel weekend per la Mercedes.