Non c’è pace per Nico Rosberg, eterno secondo alla Mercedes, oscurato dalla luce magnetica di Lewis Hamilton. Il figlio d’arte non si trova lontanissimo in campionato, anche se ultimamente il campione del mondo ha riguadagnato una certa distanza, ma le qualifiche di oggi hanno rappresentato una brutta batosta per il suo morale.

Vedersi rifilare quasi 6 decimi dal proprio compagno di squadra non è certamente una cosa che rincuora, ma quando aspiri a lottare per il campionato e a recuperare terreno in classifica, assumono tutto un altro sapore.

Infatti, come si evince dalle dichiarazioni, Rosberg ammette il suo momento di difficoltà, ed ha uno stato d’animo completamente opposto a quello di Hamilton. “Non ho spiegazioni riguardo questa differenza di prestazione che c’è fra me e Lewis. Le Qualifiche si sono svolte secondo i nostri piani ma non sono riuscito a trovare il passo giusto per insidiarlo. In questo fine settimana ho avuto alti e bassi per diverse ragioni. Cercheremo di capire cosa non è andato nel corso della notte. Chiaramente non sono affatto soddisfatto di come siano andate le cose sino a ora”.

Certo, considerando che comunque in una gara possono accadere diverse cose, Nico non si da certo per vinto prima di correre, e si auspica di colmare il gap da Hamilton attraverso una strategia mirata. “Ci saranno ancora alcune opportunità di vincere tramite una buona scelta delle strategie di gara e ai pit stop. Staremo a vedere cosa accadrà domani”.

Occhio alla partenza quindi, e alle soste ai box, saranno quelli i momenti in cui Rosberg potrà, anzi dovrà attaccare Hamilton; ha il compito di farlo per tenere accese le sue speranze, per tenere in vita un campionato che altrimenti sarebbe già archiviato e per tentare di sovvertire i pronostici, attualmente in favore dell’inglese.

Certo, sarà fondamentale per il pilota tedesco lavorare sulla messa a punto per poi essere più competitivo in gara.