Non c’è dubbio che Daniel Ricciardo stia facendo un grande lavoro, visto che nel gran premio di Formula 1 del Bahrain ha centrato un importante quarto posto, per cui la Red Bull non si può dire che vada così male, ha solo bisogno di qualche cavallo in più per dare del filo da torcere anche a Mercedes e Ferrari.

In conseguenza di ciò è comprensibile la soddisfazione del pilota australiano, che ha centrato un altro risultato utile dopo la gara di casa in cui ha ben figurato. Ma è chiaro che c’è ancora tanto da fare per stare con i migliori.

“Siamo riusciti a centrare il quarto posto perché si è fermata un’altra Ferrari. Ho chiuso quarto per questo. Ma aver colto questa posizione per noi va bene”. Passando alla descrizione della gara, ha spiegato: “l’inizio di gara è stato difficile, perché ci sono stati un po’ di contatti alla prima curva con Lewis e Valtteri. I due si sono toccati e io sono finito contro Bottas, danneggiando l’ala anteriore. Avevo paura di aver danneggiato troppo l’ala e di essere costretto a fermarmi per cambiarla, ma invece è andata bene e ho potuto proseguire”.

Infatti, Ricciardo ha tagliato il traguardo al quarto posto, subito dopo le vetture in lotta per il mondiale. “Oggi, così come Melbourne, ci siamo confermati terza forza del Mondiale, perché siamo stati davanti alle Williams. Ho visto che Daniil ha fatto una bella rimonta, finendo settimo davanti a loro. Questo è un buon risultato. Dobbiamo continuare così e il podio non è poi così lontano”.

Quindi la Red Bull continua la sua rincorsa alle superprestazioni di Mercedes e Ferrari mirando a raggiungere il podio, un’impresa possibile nelle gare più lente, dove conterà essenzialmente l’aerodinamica, come si è visto anche lo scorso anno. Nel frattempo, Ricciardo sembra essere tornato ai livelli stratosferici di due anni fa, quando riuscì a vincere il confronto delle lattine volanti con Vettel e potrebbe essere un uomo mercato importante per la Formula 1 del 2017.