La voleva, l’ha cercata e alla fine l’ha ottenuta, Lewis Hamilton ha conquistato la pole position nel gran premio di formula 1 di Montecarlo, sbaragliando la concorrenza come solo lui sa fare da qualche tempo. Il campione del mondo ha chiuso le qualifiche in 1:15.098, sfiorando le barriere in una magica corsa contro il tempo.

Dietro di lui è arrivato il suo compagno di squadra, che non è riuscito a replicare i risultati delle due precedenti stagioni ed ha dovuto cedere l’onore delle armi in seguito ad un bloccaggio nel suo ultimo tentativo. Insomma, la parentesi spagnola sembra già essersi conclusa, ed Hamilton, fresco di rinnovo, è tornato ad essere in uno stato di grazia, al punto che nel Q2 era lui ad incoraggiare il muretto box.

A circa 4 decimi da Rosberg, ma comunque a 7 decimi da Hamilton, troviamo Sebastian Vettel, che dopo la mattinata sembrava addirittura essere il favorito per la pole, ma evidentemente il gap con le Mercedes è ancora importante, e c’è tanto lavoro da fare in Ferrari.

Infatti, Raikkonen è solo sesto, dietro alle Red Bull di Ricciardo e Kvyat, che sembra essere tornato competitivo nel gran premio più ostico dal punto di vista della guida pura, segno che le doti di guida al giovane russo non mancano di certo.

Settimo posto in griglia per Sergio Perez, che ha ancora in mente l’incidente che lo vide protagonista a Monaco qualche anno fa, mentre subito dietro si piazza un ottimo Carlos Sainz, capace di precedere Maldonado ed il suo compagno di Squadra, Max Verstappen, ancora una volta.

Male le Williams, entrambe fuori dalle prime 10 posizioni, e le McLaren, lontane dall’approdo in Q3, con Alonso che ha dovuto parcheggiare la sua monoposto per problemi tecnici durante il Q2. Comunque, Button alla fine delle prove era sorridente, perché il 12esimo posto è il miglior risultato stagionale nelle qualifiche. Vedremo cosa ci riserverà la gara, anche se i pronostici sono tutti favorevoli alle Mercedes.