Ha corso in Ferrari, ma adesso è il presidente onorario della Mercedes, e come tale è diventato una presenza fissa nel team delle frecce d’argento. Stiamo parlando di Niki Lauda, uno dei campionissimi della formula 1, che coltiva il suo amore per le corse dal muretto box.

Ultimamente, l’ex pilota austriaco è tornato a parlare del duello Ferrari-Mercedes ed ha affrontato la questione affermando che la squadra di Maranello ha ormai ripreso, dal punto di vista prestazionale, le monoposto della Stella a Tre Punte.

“La Ferrari ha colmato il divario, la differenza con noi rispetto al 2014 è ormai prossima allo zero, ha spiegato Lauda in un’intervista pubblicata sul sito della Red Bull, credo abbiano almeno 45 cavalli in più di potenza, e dunque credo abbiano la nostra stessa forza. Dunque, ora la differenza la fanno il telaio e i piloti. La stagione non è finita, come si dice, ci sono state solo 4 gare e l’equilibrio regnerà sino alla fine. La Ferrari è molto forte, non ci sono dubbi, e noi abbiamo il dovere di non crederci imbattibili, sarebbe un grave errore”.

Rispetto e stima dell’avversario quindi, è questo quello che trapela dalle parole di Lauda, un professionista che non ha paura di dire tutto quello che pensa. Certo, che se la sua visione d’insieme fosse totalmente realistica, ci sarebbe da divertirsi sin dalla gara di domenica, a Montmelò, e i tifosi ferraristi avrebbero diversi motivi per gioire.

Così, sperando che abbia avuto una giusta intuizione, non rimane che concentrarsi sulle prove libere, sulle qualifiche e, infine, sulla gara, perché è importante dimostrare sul campo che la Ferrari è pronta realmente per affrontare il grande salto: quello verso il mondiale.

Quindi, occhi puntati sul gran premio di Spagna e sulle monoposto di Vettel e Raikkonen con il cronometro alla mano, per vedere, giro dopo giro, se il gap con le Mercedes sia stato realmente azzerato.