Ci risiamo, direbbe qualcuno, la Formula 1 continua ad essere corrotta, o almeno sembra essere questo il grido d’allarme lanciato dalla Mercedes dopo che un suo ingegnere, che i rumors indicavano di passaggio verso la Scuderia di Maranello, ha tentato di acquisire i dati relativi alla power unit della Stella a Tre Punte nel GP di Ungheria.

Una storia finita male, visto che il dipendente talpa è stato scoperto ed adesso rischia di essere allontanato dalla massima formula. Ma il fatto è che la Ferrari non ha stipulato nessun contratto con l’ingegnere in questione, per cui, come è giusto che sia, fino a prova contraria, professa la sua estraneità alla vicenda e lo fa con un certo disappunto, perché è la seconda volta che la Mercedes chiede spiegazioni sulle attività del team di Maranello, che proprio di recente è stato oggetto di indagine in merito agli sviluppi aerodinamici concordati con il nuovo team Haas.

“Era un tecnico in scadenza alla Mercedes - hanno evidenziato da Maranello - e c’è stato qualche contatto, ma molto informale, con noi ma anche presumibilmente con altre scuderie. Non esiste nessun contratto tra la Ferrari e il signor Hoyle”.

Quindi, scongiurati i sospetti, la questione non è neanche lontanamente paragonabile alla fuga di informazioni che la McLaren ha sfruttato per recuperare, in passato, il gap nei confronti con la Ferrari. Comunque, la Casa di Maranello è stanca di essere sotto i riflettori con la spada del sospetto che pende sulla sua testa e questo potrebbe logorare il rapporto di non belligeranza con la Mercedes, anche in virtù dei nuovi regolamenti della Formula 1 del futuro su cui i due team hanno posizioni concordi.

Vedremo se la storia avrà degli strascichi e se, nei prossimi giorni, verranno fuori altre indiscrezioni, certo è che la Mercedes è seriamente preoccupata che la Ferrari possa raggiungerla e, ultimamente, sta gettando discredito sulla compagine di Maranello senza avere delle prove concrete, e questo non fa bene all’ambiente, perché alimenta la cultura del sospetto, da sempre deleteria per qualsiasi sport.