E’ salito sul podio, ha festeggiato, ma è consapevole che c’è ancora tanto da fare, stiamo parlando di Sebastian Vettel, autore di una gara magistrale in Spagna, nella quale è riuscito a resistere per ben 2 volte ai ripetuti tentativi di sorpasso di Lewis Hamilton.

“Sapevo che sarebbe stato complicato tenere dietro Hamilton, perché erano nettamente più veloci e lo si è visto alla fine. Siamo stati anche un po’ fortunati al primo pit stop perché Lewis ha avuto un problema. Abbiamo reagito bene, abbiamo fatto tutto quello che potevamo”.

Purtroppo però, non è bastato, e le Mercedes hanno preso il largo, ed alla fine il distacco da Rosberg è stato a dir poco severo: ben 45 secondi. “Loro hanno deciso di passare a tre soste e per noi la cosa migliore era continuare con due, però ho avuto la sfortuna di finire in mezzo al traffico dopo la seconda sosta ed ho perso diversi secondi che probabilmente sarebbero bastati per restare ancora davanti, anche se credo che, vista la differenza di velocità, mi avrebbe superato ugualmente”.

Il riferimento è ancora rivolto ad Hamilton, visto che Rosberg viaggiava a velocità supersonica, un campione del mondo che ha dimostrato, anche nei momenti più difficili, di avere un ritmo superiore a quello del pilota tedesco, come ha ammesso lo stesso driver della Ferrari.

“Bisogna essere onesti e dire che hanno meritato di fare la doppietta, però sono ottimista e fiducioso che ci potremo riavvicinare presto. Speriamo che la situazione possa essere diversa già tra due settimane a Montecarlo. Abbiamo fatto un grande lavoro sulla vettura, anche se non si è visto qui dal punto di vista delle prestazioni, quindi sono convinto che nelle prossime gare saliremo ancora di livello”.

Parole interessanti, che fanno sperare i tifosi delle “rosse”, in attesa di una vettura con il potenziale necessario per stare finalmente davanti alle Mercedes.