Lo sapevamo, la Williams non era sparita, era rimasta nel limbo, tra le monoposto che non fanno acuti, solo per una questione di tranquillità: bisognava concentrarsi sullo sviluppo e sulla ricerca dell’affidabilità, per cui meglio non avere i riflettori puntati addosso. Così, Massa e compagni hanno potuto lavorare tranquilli, e adesso possono sfoggiare il loro grande potenziale in vista di Melbourne.

“E’ stato un buon giorno per noi e la vettura si è comportata bene – ha spiegato Felipe Massa – quando abbiamo deciso di usare le gomme morbide nuove siamo riusciti a fare qualche giro più veloce. Inoltre, la FW37 non ha mai mostrato il minimo problema e questo vale fin dal primo test di Jerez. Stiamo lavorando molto e sembra che abbiamo fatto un passo avanti. Mi è rimasto a disposizione un giorno di test, quindi sarà fondamentale sfruttare al meglio la giornata di sabato”.

Insomma, un Felipe Massa soddisfatto, che anche nel 2015 vuole dimostrare di avere ancora tanto da dare a questa F1, soprattutto ora, che la Williams gli ha messo a disposizione una vettura competitiva attraverso la quale potrà mettere in mostra le sue doti di guida.

Quindi, occhio alla monoposto con la livrea Martini sin dalle prime prove di Melbourne, la Williams vuole ritornare ai livelli di un tempo, quando dominava la scena della Formula 1, e la strada intrapresa è quella giusta, anche se ci vorrà del tempo.

Infatti, oggi ci sono avversari ancora più agguerriti, interessi economici stellari e nuovi costruttori che tornano alla ribalta, vedi Honda, per cui non sarà facile ricostruire l’impero perduto. Ma a Grove conoscono bene la ricetta per la vittoria, di conseguenza, sfruttano ogni possibilità per recuperare il gap dalla monoposto più competitiva.

Ad oggi, quindi, avere la power unit della Mercedes è già un buon punto di partenza, se a questo si unisce la bravura del team nel realizzare una monoposto curata nell’aerodinamica, ecco che il 2015 potrebbe segnare la svolta verso un futuro ancora più roseo.