E’ stato il più veloce già dal venerdì, ha conquistato la pole position, e poi ha trionfato durante il gran premio di Formula 1 del Messico. Stiamo parlando di Nico Rosberg: un pilota che finalmente rivede la luce della vittoria, dopo un anno all’ombra di Lewis Hamilton.

Certo, a giochi fatti, con Hamilton che aveva già in bacheca il terzo titolo mondiale, il successo di Rosberg è apparso più che altro come un premio di consolazione, ma il tedesco è apparso entusiasta, anche attraverso le sue dichiarazioni.

E’ stato fantastico, credo sia il più bel podio di sempre in Formula 1. Sono arrivato primo alla prima curva e questo è importante contro il mio compagno. Avevo un bel passo gara che mi ha consentito di controllare la corsa”.

Dopo le parole sul fine gara, il figlio d’arte si è soffermato sulla strategia. “Il secondo pit stop è stato precauzionale anche se non mi è piaciuto dovermi fermare visto il gran ritmo che avevo. Quando parti con una nuova gomma devi resettare un pò tutto”. Quindi, spiega ancora la sua gioia per la vittoria finale. “Questa vittoria non è un rilancio, io parto per vincere ogni weekend, ma certamente questa vittoria aiuta”.

Insomma, una gara che ha certamente giovato all’umore di Rosberg, apparso decisamente contrariato nell’appuntamento precedente, con Hamilton campione del mondo per la terza volta. Un successo con cui il figlio d’arte ha voluto dimostrare al mondo di meritare la Mercedes: una monoposto ambita da molti, che guida con determinazione.

Certo, perdere per due anni consecutivi il confronto con Hamilton brucia, soprattutto quando si ha a disposizione una vettura superiore alle altre, da mondiale. Per questo, le ultime gare saranno fondamentali per Rosberg per ritrovare quella competitività che gli possa consentire di ripartire nel 2016 con la convinzione di poter vincere il mondiale.