Il campionato di Formula 1 del 2016 vedrà al via una nuova Ferrari che, a detta di tutti, sarà veramente rivoluzionaria. Gli ingegneri del Cavallino Rampante sono già al lavoro da diverso tempo per mettere a punto una macchina che si possa presentare al via come una delle serie candidate alla vittoria del Mondiale, piloti e costruttori.

Anche se, per ora, rimane un grande riserbo su quali siano queste particolarità rivoluzionarie che faranno cambiare la vettura dall’essere una semplice comprimaria delle Mercedes a divenire la macchina da battere.

A Maranello, per ora, si lavora in contemporanea su due fronti ben distinti: da una parte si cerca di spremere il massimo della vettura che già c’è, la SF15-T, con il continuo aggiornare dei software attualmente a disposizione; dall’altra, però, si cerca anche di fare proprie queste nozioni per poterle reinvestire sulla F1 2016. Un percorso, quest’ultimo, cominciato già in estate.

Dalle colonne de La Gazzetta dello Sport il collega Luigi Perna ha cercato di dare le prime informazioni riguardanti la nuova Ferrari 2016, che si preannuncia essere “una vettura rivoluzionaria, che taglierà i ponti col passato soprattutto nelle scelte di telaio e aerodinamica”.

Tralasciando per ora la componentistica tecnica, in quanto è ancora presto per parlare di cambio, sospensione e affini, quello che rimbalza subito agli occhi è il cambio di filosofia che verrà portato in seno alla Scuderia Ferrari. Perché i due piloti, Kimi Raikkonen e Sebastian Vettel, avranno in mano un’auto che dovrà osare per raggiungere i livelli attuali della Mercedes.

E poi ci sono i motori, dove bisognerà colmare il gap con le frecce d’argento. La scelta di ampliare i team clienti pare il viatico giusto per lo sviluppo corretto.