La notizia non è di quelle che sconvolgono: la Renault di Formula 1 2016 sarà gialla, ma è comunque un dato di fatto per una vettura che, in origine, è stata presentata nella livrea nera, piacevole ma poco attinente ai colori del Costruttore transalpino.

Adesso, la situazione è chiara, si torna in pista, in Australia, per la prima gara della stagione con un giallo che ricorda, e non poco, quello delle vetture stradali. Così, i vari proprietari di Clio e Megane R.S. potranno cogliere un collegamento, seppur cromatico, con la monoposto di Formula 1.

Una strategia commerciale, non c’è dubbio, che però riporta anche alla tradizione, visto che la maggior parte delle Renault, in passato, erano di colore giallo, eccezion fatta per quella vincente di Fernando Alonso, fondamentalmente azzurra.

Ci sono anche porzioni di nero, perché, a detta del team, anche la livrea scura era piaciuta, e così si è deciso di non farla scomparire del tutto. Quindi, la parte bassa delle fiancate, le ali anteriore e posteriore, e una piccola zona sotto la presa d’aria del motore, donano un piacevole contrasto dark con il resto della monoposto.

Bella è bella, non c’è che dire, ora però si inizia a fare sul serio e bisognerà vedere quanto è veloce. Certo, siamo solo all’inizio di un nuovo campionato, il team è nuovo e i piloti non hanno una lunga esperienza in Formula 1: uno è al debutto, l’altro torna dopo una stagione di purgatorio.

Per il momento il team ha affermato di voler puntare al sesto posto della classifica costruttori e poi, dopo 3 anni, al podio. Certo, non sarà una passeggiata, lo scorso anno la sesta piazza fu conquistata da Grosjean e da Maldonado, non proprio gli ultimi arrivati in Formula 1 e con una power unit differente, ma le ambizioni debbono esserci, sono il motore principale di ogni impresa sportiva. Vedremo già da domenica come inizierà la nuova avventura Renault nella massima formula.