Continuano i test precampionato a Barcellona, e nel secondo giorno degli ultimi quattro previsti prima dell’inizio del campionato, ecco che la Mercedes torna a fare la voce grossa, mette le carte in tavola e cala un poker servito capace di lasciare impietrito qualsiasi avversario.

Infatti, con mescola soft Rosberg c’è andato giù pesante, spingendo la W06 Hybrid così forte da ottenere un tempo di 1’22”792. Si, avete capito bene, la prestazione più importante da quando sono iniziati i test. Come se non bastasse, la squadra tedesca ha percorso senza sforzo apparente più di 100 tornate, mettendo a tacere ogni dubbio sulla sua affidabilità.

Nulla ha potuto Valtteri Bottas, che non è andato oltre il tempo di 1’23”995 ed ha subìto la beffa di essere scavalcato proprio sul finale di giornata, nonostante il suo giro cronometrato con le gomme soft. La Williams comunque non è andata male, confermando quanto di buono aveva mostrato in precedenza con Felipe Massa, ma contro lo strapotere Mercedes anche la squadra di Grove ha dovuto alzare bandiera bianca.

Sempre veloce la Sauber, che ha ottenuto il terzo tempo di giornata con Felipe Nasr, in 1’24”071. Si tratta di un’indicazione importante, che mette in luce ancora una volta l’impegno di questa scuderia in cerca di riscatto. Una voglia di rivalsa che pervade anche tutto l’ambiente di Maranello, che comunque non sembra aver cercato la prestazione nemmeno in quest’occasione, concentrandosi esclusivamente su lunghi turni di guida, al punto che Vettel ha percorso ben 143 giri staccando dal punto di vista del chilometraggio percorso qualsiasi altra squadra.

Indicazioni incoraggianti invece arrivano dalla McLaren, orfana di Alonso, che è riuscita nell’impresa di percorrere ben 100 giri con Jenson Button segnando anche un tempo di 1’25”590, collocandosi appena dietro al tedesco della Ferrari che ha fermato il cronometro in 1”25’339.