Se c’è un pilota che più di tutti esce con le ossa rotte dall’Hungaroring, quello è sicuramente Nico Rosberg, staccato in classifica da Hamilton, e costretto a rinunciare alla lotta per la vittoria in seguito ad un contatto con Ricciardo.

Il figlio d’arte ha persino polemizzato con una giornalista Sky al termine della gara, affermando che gli avrebbe rovinato le vacanze con le sue domande, segno che il nervosismo per un weekend infausto non è rimasto solamente  all’interno della sua monoposto.

Infatti, è proprio l’incidente con Ricciardo che ha lasciato l’amaro in bocca a Nico: “stava andando tutto molto bene, e mi sono sentito a mio agio in pista sino al giro 64, quando tutto è andato perduto. E’ stato un vero peccato perdere tutti quei punti, ma, talvolta, lo sport può essere davvero duro. Ho dato per scontato di avere tutto lo spazio per affrontare la prima curva, dato che avevo preso la linea ideale, ma Ricciardo ha frenato tardi e quando abbiamo girato mi ha danneggiato la posteriore sinistra facendo svanire tutto”.

Chiaramente, la strategia non ha aiutato il pilota tedesco, visto che alla fine della gara si è ritrovato con le gomme medie, ma su questo ha fatto chiarezza Toto Wolff. “E’ stata una situazione sfortunata perché sino a quel momento Nico montava le gomme medie e mancando ben 28 giri al termine della gara, le soft non avrebbero retto. Quando abbiamo richiamato Nico ai box in occasione della Virtual Safety Car avremmo dovuto cambiare la nostra strategia, passando dagli pneumatici medi ai soft, ma le coperture soft non erano pronte”.

Ecco, un’ammissione in piena regola, che però non restituisce a Rosberg i punti persi, e di sicuro gli rovinerà ancora di più le vacanze, mentre Hamilton potrà rilassarsi potendo anche trarre vantaggio dai propri errori e dagli sbagli altrui.