Non c’è tempo per guardare in casa altrui, o almeno non ne ha voglia Kimi Raikkonen, il pilota della Ferrari protagonista nella quarta giornata di test collettivi di Formula 1. Il finlandese è concentrato sugli sviluppi della SF16-H, come ha rivelato a Motorsport.com, e non sembra interessato a quello che fanno i principali rivali della Mercedes.

“Non so se questa sarà una buona macchina, nessuno può dirlo, ma sembra averne le potenzialità. Anche se ci sono ancora molte cose da provare. Non guardiamo a cosa stanno facendo le altre squadre, pensiamo a noi stessi e cerchiamo di prepararci al meglio, perché dipenderà solo da noi se vogliamo trovarci poi in buona posizione. Il potenziale è buono ma possiamo migliorare”.

Migliorare senza spaventarsi dei chilometri percorsi dalla Mercedes. “Non credo che, al momento, nel team dobbiamo preoccuparci di questo aspetto, ma pensare al nostro lavoro. Ovviamente, avremmo voluto completare qualche giro in più, ma i contrattempi fanno parte dei test. Può succedere che ci sia qualche inconveniente o qualche componente da sostituire, come accaduto oggi”.

Insomma, Kimi è consapevole che c’è ancora tanto lavoro da fare. “Ci sono tante cose da provare quando si muovono i primi passi in pista. I tecnici devono verificare tanti parametri e c’è bisogno di tempo”. Tempo per capire se la SF16-H sia una macchina vincente, anche se ci sono già degli aspetti positivi da sottolineare come spiega Iceman: “il buon approccio con la monoposto. Un feeling che dal mio punto di vista è stato subito migliore rispetto alle sensazioni che avevo con il pacchetto tecnico del 2015. Ma ripeto: siamo davvero ai primi giorni della stagione, ci vuole tempo”.

E allora diamogli tutto il tempo di cui ha bisogno, aspettiamo ancora questi giorni che ci separano dal gran premio d’Australia, quando il 20 marzo, il circuito di Melbourne ci svelerà la verità di questa Formula 1 targata 2016.