Archiviata la stagione 2015, in Formula 1 si lavora velocemente per delineare quella del 2016, che farà da ponte a quella, ancora più attesa, del 2017, quando ci saranno anche nuovi cambiamenti regolamentari. Così, è stato ufficializzato il calendario, anche se è ancora possibile qualche variazione.

Infatti, non è ancora chiara la posizione in merito al gran premio di Austin, in Texas, perché anche su questa gara c’è lo spettro dei problemi finanziari che potrebbero farla saltare qualora non venissero rispettate le richieste di pagamento da parte dell’organizzazione che fa capo alla Formula 1.

Nel caso, la data del gran premio del Messico potrebbe subire una variazione, ma, al momento, si tratta di ipotesi, per cui è meglio non allarmarsi prima del tempo. Inoltre, il calendario è lungo, e prevede 21 appuntamenti, per cui, anche nel caso in cui dovessero diventare 20, gli appassionati avrebbero comunque tante opportunità per seguire i duelli in pista. Anche se gli spettatori americani perderebbero l’opportunità di seguire le monoposto dal vivo.

Si comincia il 20 marzo, a Melbourne, in Australia, come da tradizione, e si termina il 27 novembre ad Abu Dhabi, proprio come in questa stagione che ha visto il circuito di Yas Marina teatro dell’ultima gara, nella suggestiva cornice nel deserto.

Inoltre, ci sarà la consueta pausa estiva, fissata dal 31 luglio, dopo il gran premio di Germania, al 28 agosto, quando si correrà sul prestigioso tracciato delle Ardenne, a Spa. Peccato per la concomitanza della gara di Baku, in Azerbaigian, con la mitica 24 Ore di Le Mans, il 19 giugno, quando Hulkenberg non avrà la possibilità di correre la grande classica francese per difendere la vittoria conquistata quest’anno con la Porsche.

Insomma, la Formula 1 non dorme mai, è sempre avanti, anche nella programmazione e tra poco i team si ritroveranno per sviluppare le nuove monoposto che a gennaio inizieranno a muovere i primi passi.

Ecco, di seguito, tutte le gare in programma per il 2016:

20 marzo – Australia – Melbourne
3 aprile – Bahrein – Sakhir
17 aprile – Cina – Shanghai
1 maggio – Russia – Sochi
15 maggio – Spagna – Barcellona
29 maggio – Monaco – Montecarlo
12 giugno – Canada – Montreal
19 giugno – Azerbaigian – Baku
3 luglio – Austria – Red Bull Ring
10 luglio – Gran Bretagna – Silverstone
24 luglio – Ungheria – Hungaroring
31 luglio – Germania – Hockenheim
28 agosto – Belgio – Spa-Francorchamps
4 settembre – Italia – Monza
18 settembre – Singapore – Marina Bay
2 ottobre – Malesia – Sepang
23 ottobre – Stati Uniti – Austin
30 ottobre – Messico – Città del Messico
13 novembre – Brasile – Interlagos
27 novembre – Abu Dhabi – Yas Marina