Il gran premio di formula 1 di Monaco è stato stregato per il campione del mondo in carica, Lewis Hamilton, che ha visto sfuggirgli da sotto il naso una vittoria annunciata per via di un errore di strategia del muretto box. Adesso però, il pilota inglese vuole voltare pagina e gettarsi alle spalle il discutibile episodio.

In effetti, potrebbe essere la strategia giusta, soprattutto perché adesso, con Rosberg in ritardo di soli 10 punti nella classifica piloti, è indispensabile per Hamilton non commettere errori e rimanere sempre concentrato.

Per questo, durante la conferenza stampa che anticipa il gran premio, il campione del mondo ha stemperato la tensione con dichiarazioni distensive.

“Mi chiedete in continuazione di Monaco ma non credo sia il caso di continuare a parlarne, io sono solo concentrato sul futuro, il passato non si cambia, è inutile guardare indietro. Penso solo a come andare più veloce e a come farlo già questo fine settimana in Canada”.

Insomma, nessun problema con la squadra, nonostante il clamoroso errore compiuto dai box a Montecarlo. “Col team è tutto ok, sono pronto a voltare pagina, non ho altre preoccupazioni. C’è un campionato da vincere, sono in grande forma ed entusiasta di tutto quello che c’è da fare. Se ho fiducia nelle prossime chiamate del team? Certamente, abbiamo costruito insieme successi incredibili, una gara non intacca solide fondamenta”.

Quindi, assoluta fiducia negli uomini Mercedes, gli stessi che gli hanno consentito di vincere il secondo mondiale, e che potrebbero fargli raggiungere il tris nel 2015, Rosberg permettendo. E proprio a proposito del compagno di squadra, è doveroso notare che Hamilton non ha espresso giudizi o pareri di sorta.

Insomma, il due volte campione del mondo non è caduto nella trappola della polemica, ha preferito il silenzio sulla vicenda e, siamo sicuri, risponderà in gara al comportamento destabilizzante del figlio d’arte che, in più di un’occasione ha provato ad innervosire Hamilton e che, lo scorso anno, ha ricevuto anche i fischi del pubblico per il suo comportamento.