La notizia era nell’aria, ma poi, prima che si aprissero le danze per il gran premio di formula 1 del Principato di Monaco, è diventata realtà: Lewis Hamilton continuerà a correre per la Mercedes fino al 2018. Quindi, nessun passaggio clamoroso in Ferrari, e nessun dream team con Vettel.

D’altra parte, era la conclusione più logica di questo tira e molla tra Hamilton e la Mercedes e, considerata la situazione attuale, un’eventuale separazione avrebbe messo a repentaglio un mondiale che è già saldamente nelle mani del pilota inglese e della Stella a Tre Punte.

“Questa è la mia casa, non potrei essere più felice di stare qui altri tre anni”, questo il tweet di Lewis che ha dato conferma dell’avvenuto accordo con la Mercedes.

“Nonostante il successo dello scorso anno la scuderia ha più fame di prima ed è lo stesso per me. La vettura di quest’anno è la migliore che abbia mai avuto in carriera e per me ogni week-end di Formula 1 è un divertimento, è un piacere spingersi al limite e cercare di vincere ogni gran premio. La Mercedes ha cominciato a sostenermi nel 1998, sono molto orgoglioso del contratto che mi permetterà di essere legato per vent’anni alla Mercedes”.

Gli fa eco il Team Principale Toto Wolff, che afferma: “Lewis è reduce dalla storica stagione dello scorso anno e per noi il rinnovo del suo contratto era una priorità. I suoi risultati parlano da soli, per il team lui è molto importante e io non vedo l’ora di continuare a gareggiare con la coppia di piloti più forte della formula 1 e di raggiungere insieme altri storici traguardi”.

Forse, quello che avrà preso la notizia con meno entusiasmo è proprio Nico Rosberg, reduce dalla sua prima vittoria del 2015, ma pronto a cambiare squadra per trovare un ambiente a lui più congeniale, adesso che Lewis, contrariamente alle dichiarazioni di facciata, è sempre di più la stella del box Mercedes.