Al vertice della classifica dei tempi c’è ancora lui, quando si lotta per qualcosa d’importante Lewis Hamilton è una conferma; e così, oggi la pole position non è mai stata in discussione, segno che nel finale di stagione del 2015, con il terzo titolo ormai in bacheca, aveva letteralmente staccato la spina lasciando le briciole a Rosberg.

Queste le sue parole al termine delle qualifiche di oggi, le prime con il nuovo format. “Sì, sono davvero molto contento di quanto sono riuscito a fare sino a questo momento del fine settimana. Voglio innanzitutto togliermi il cappello davanti al grande lavoro che il mio team ha svolto in questa prima parte dell’anno. Hanno alzato ancora una volta l’asticella e questo è il terzo anno in cui lottiamo nelle posizioni di vertice. Questo non fa altro che ispirarmi, motivarmi”. Devo dire che oggi mi sono divertito a guidare la mia Mercedes W07 Hybrid nelle qualifiche. L’assetto era perfetto e ho fatto alcuni giri che definirei ‘sexy’, perché era tutto così sinuoso e scorrevole. Tutto è andato alla perfezione, senza sbavature e senza errori. Non potevo sperare in nulla di meglio. Quando sei un pilota di F.1 cerchi sempre di migliorarti e così fa il team. Oggi ci siamo riusciti, quindi sono davvero contento”.

Poi non ha mancato di esprimere un suo parere sulle qualifiche, troppo noiose nella terza parte. “In Q3 non è stato bello. Capisco la gente che è venuta in circuito, al freddo, e ha dovuto vedere tutto ciò. Queste Qualifiche sono uno spettacolo davvero scarso. Mi sarebbe piaciuto invece che la gente avesse potuto avere le medesime emozioni che ho provato io al momento della pole position”.

Infine, ha speso parole interessanti in merito alla competitività della Ferrari: “devo dire di aver visto una Ferrari che è migliorata molto nel corso dell’inverno. E’ più forte rispetto allo scorso anno e penso proprio che domani saranno vicini a noi. Il gap tra noi e loro è solo di qualche decimo, si è ridotto notevolmente”.