Fernando Alonso vorrebbe correre, non a caso ha tatuato un samurai sulla schiena. Il suo spirito indomito lo spinge a voler tornare subito sulla sua McLaren, senza perdere un altro gran premio, dopo che è stato costretto a saltare quello del Bahrain.

Dopo tutto, il suo sostituto, il giovane Vandoorne, ha dimostrato di essere velocissimo, e potrebbe fare ancora meglio in Cina, visto che adesso ha preso confidenza con una monoposto mai guidata prima. Certo, Alonso è stato disponibile nello scorso gran premio, ed averlo come tutor è stato importante per il belga, ma adesso Fernando vuole tornare titolare, perché i campioni non possono restare a lungo in panchina.

Così, saranno le visite mediche a dire se l’asturiano potrà correre, oppure se dovrà attendere un altro gran premio. Non è tanto la frattura alla costola a preoccupare chi deve decidere, quanto il trauma pneumotorace che è ben evidente dalla foto che Alonso ha postato durante una sessione di allenamento.

Certo, durante l’urto in Australia, il due volte campione del mondo ha subito delle notevoli decelerazioni, con tutte le problematiche che ne conseguono, ma averlo visto ai box già in Bahrain è stato un segnale positivo per la squadra di Woking, che vorrebbe riaverlo il prima possibile.

Intanto, per sicurezza, Vandoorne partirà alla volta delle Cina, dove, qualora fosse necessario, potrebbe correre il suo secondo gran premio della stagione. Anche in questo caso c’è tanta curiosità, perché in Barhain, il talento proveniente dalla GP2, che ha dominato vincendo con 2 gare d’anticipo nel 2015, è andato costantemente più forte di Jenson Button, il campione del mondo del 2009, nonché titolare della McLaren insieme ad Alonso.

Vedremo cosa decideranno i medici sullo spagnolo e quale dei due piloti McLaren correrà nel gran premio di Cina, se l’arrembante Alonso o il giovane Vandoorne, ad ogni modo sarà uno degli argomenti di discussione della prossima gara di Formula 1.