Tra i momenti salienti del gran premio del Messico, lo scontro tra Raikkonen e Bottas è stato certamente importante a livello sportivo, per una serie di motivi diversi. Intanto, ha messo fuorigioco la Ferrari del finlandese, poi ha permesso a Bottas di arrivare fino al podio e, inoltre, ha riproposto un duello che a Sochi ha avuto esiti differenti.

Quindi Bottas è tornato sulla questione dopo la gara con parole che smorzano i toni ed evitano facili polemiche. “E’ un peccato che sia andata a finire così, ma queste sono le gare. Sicuramente è stato un contatto violento, ma è stata solo una sfortunata coincidenza che ci siamo nuovamente scontrati tra di noi. Non c’è nulla da aggiungere, stavamo semplicemente combattendo”.

Errori di valutazione degli spazi e tanto agonismo alla base del contatto. “Normalmente, in situazioni simili, c’è spazio per entrambe le vetture. Certamente io non alzo il piede quando sto lottando per conquistare una posizione. Ho pensato che ci fosse abbastanza spazio per tutti e due, ma non è andata nel verso giusto. Io ero all’interno e non avevo spazio per poter affrontare la curva”.

Chiaramente, dopo il podio conquistato, Bottas ha fatto i complimenti al suo team. “La chiamata dal box è stata un’ottima mossa. Le gomme medie hanno funzionato al meglio. Ho visto Kvyat negli specchietti scivolare nell’ultima curva e l’ho passato. Abbiamo fatto una grande gara e soprattutto abbiamo adottato una grande strategia“.

Insomma, il finlandese si consola così dopo il suo mancato approdo alla Ferrari, festeggia un podio importante, e si prepara a concludere al meglio la stagione. Vedremo se la rivalità con Raikkonen offrirà spunto per altri episodi e avvincenti duelli ruota a ruota. Certo è che l’animosità sportiva tra i due, nata in seguito alle vicende di mercato, continua a manifestarsi tra i cordoli, dove entrambe i piloti non si risparmiano, anche a costo di terminare la gara con un incidente.