Ci sono monoposto di Formula 1 che hanno una storia importante e che, soprattutto, sono legate a piloti importanti, come la Benetton 191/191B che fu realizzata dal genio di John Barnard e sulla quale debuttò una leggenda del calibro di Michael Schumacher.

La storia narra di un giovane fenomeno che, il 22 marzo del 1992, salì per la prima volta sul podio nel gran premio del Messico, per dar vita a quella che sarebbe stata un’incredibile carriera in Formula1, proprio grazie a questa fantastica Benetton gialla, che andrà all’asta il 12 maggio, a Monte Carlo.

L’aspetto interessante è che non si tratta di una vettura da parcheggiare in soggiorno e della quale vantarsi con gli amici, ma di una monoposto in grado di girare e completa del motore Ford V8 che la spinse ai tempi d’oro. Quindi, un’auto funzionante a tutti gli effetti, anche se sappiamo quanto sia difficile gestire una Formula 1, che necessita di una squadra di specialisti per girare in pista.

Comunque, il prezzo stimato è incoraggiante anche per collezionisti in erba, visto che è compreso in una forbice che va tra i 220.000 euro ed i 280.000 euro. Chiaramente, vista la rarità e le condizioni della monoposto in questione, è destinato a salire, ma potrebbe essere un’occasione unica, visto che si tratta di una vettura che potrebbe rivalutarsi, e molto, in futuro.

Vedremo come si evolverà la vendita, e quanto interesse riceverà una monoposto importante per la carriera di Michael Schumacher, visto che con la Benetton conquistò, negli anni successivi, i primi due mondiali in Formula 1, prima di approdare alla Ferrari.

La speranza è che riesca ad aggiudicarsela un appassionato che possa riportarla in pista, magari in occasione di qualche rievocazione storica, per vederla di nuovo all’opera e ripercorrere quel periodo della Formula 1 in cui poteva esserci un duello epico tra Schumacher e Senna se non fosse accaduta la tragedia di Imola.