Come era prevedibile, è stata una Mercedes a vincere il gran premio di Formula 1 andato in scena in Austria, e c’è stata la doppietta della Stella a Tre Punte. Quello che in pochi si aspettavano è stato il successo di Rosberg, che è riuscito a tagliare il traguardo davanti ad Hamilton per la terza volta nella stagione.

Infatti, il figlio d’arte è scattato bene alla partenza ed è riuscito a sopravanzare il campione del mondo. Poi, in una pista dove superare è un’impresa, ha preso il largo ed ha beneficiato di un’ingenuità di Hamilton: colpevole di aver sopravanzato la linea che demarca l’uscita dai box.

Per questo, il numero 44 ha preso 5 secondi di penalità, da scontare a fine gara e, a quel punto, ha preferito pensare alla classifica, puntando a raggiungere, in totale tranquillità, la seconda posizione. Se davanti non c’è stata bagarre, il terzo gradino del podio è stato combattuto tra Vettel e Massa, e alla fine, complice un problema accorso al tedesco della Ferrari durante l’unica sosta ai box, durata 13 secondi per un inconveniente con la ruota posteriore destra, è stato il brasiliano a salire sul podio, per una tripletta di monoposto con motore Mercedes.

Peccato, perché Vettel poteva tranquillamente concludere in terza posizione, visto che è stato costantemente più veloce in pista, ma, a quanto pare, la sfortuna sembra essersi impossessata della squadra di Maranello. Infatti, anche la gara di Raikkonen non è andata bene, anzi, è stata da dimenticare, visto che un pattinamento nel corso del primo giro gli ha fatto perdere il controllo della monoposto ed ha innescato un incidente con Alonso, che è finito sopra di lui e, per fortuna, l’epilogo non ha causato danni fisici ai due ex compagni di squadra.

Quindi, dietro a Vettel, ai piedi del podio, troviamo, nella classifica finale, Bottas e Hulkenberg, poi Maldonado e Verstappen, autori di un epica battaglia e infine, a chiudere la top ten, Perez e Ricciardo.