Il capitano della Ferrari è senza dubbio Maurizio Arrivabene, un team principal di grande carisma e dal cuore d’oro, che vive con passione le corse dal muretto box e corre dai suoi piloti per spronarli, caricarli, supportarli o complimentarsi con loro, come è accaduto ieri al termine della gara di formula 1 del Bahrain, quando è andato sotto il podio per salutare l’impresa di Raikkonen.

Da bravo condottiero, Arrivabene è stato contento per il risultato di Iceman, un pilota che sostenuto con tutte le sue forze nonostante nel 2014 fosse finito preda dello scetticismo generale, ma non ha risparmiato delle dichiarazioni tese a risollevare il morale di un Sebastian Vettel meno incisivo del solito.

“Premesso che avrei voluto due piloti sul podio, non uno solo, devo dire di essere davvero contento per Kimi, che è stato un mastino allucinante in questa gara. Sono davvero felice per quello che ha fatto qui a Sakhir, una gara davvero fantastica”.

Parole di stima per Iceman che anticipano delle dichiarazioni per Seb, un campione che ha avuto una giornata storta. “Per quanto riguarda Sebastian: siamo umani, lo è anche lui, si possono fare errori anche se il team lavora in modo perfetto. Vorrà dire che troveremo Seb ancora più motivato alla prossima gara”.

Dunque, il bicchiere è mezzo pieno per Arrivabene, la Ferrari sta rispettando il programma per il 2015, anzi, si è persino portata avanti con il lavoro, visto che il gap con le Mercedes è stato ridotto di gara in gara, per cui, nonostante Hamilton sembra che stia prendendo il largo nella classifica piloti, dalle parti di Maranello hanno di che essere soddisfatti.

Il capitano comunque, continuerà a motivare i suoi, con la sua presenza ai box, il suo carisma e tutta quella carica da vero appassionato di questo sport che mostra ad ogni gran premio. E’ la figura giusta per guidare questo team alla resurrezione definitiva, una persona determinata, ma allo stesso tempo capace di cogliere quei lati umani che persino un campione come Seb o un fenomeno di ghiaccio come Iceman nascondono sotto il casco.