Un pilota come Fernando Alonso non può rimanere a lungo fuori dall’abitacolo di una monoposto, il suo spirito di competizione, la voglia di rimettersi in gioco è troppo forte, per cui il ritorno alle gare in concomitanza con il gran premio di formula 1 della Malesia appare al campione di Oviedo come una benedizione, soprattutto alla luce dell’incidente, misterioso, in cui è incappato nei test.

Chiaramente, non sarà facile per lui ritrovarsi al volante di una McLaren smarrita e fuori forma, ma la voglia di gareggiare è talmente forte da passare sopra alle difficoltà tecniche del team di Woking, e si percepisce totalmente dalle dichiarazioni che anticipano il weekend malese.

“Ho lavorato sodo sulla mia condizione fisica e mi sento pronto per questo weekend di gara. Il caldo in Malesia è sempre una variabile importante per i piloti, ma ho concentrato il mio allenamento su questo aspetto e sicuramente mi sento preparato per tutte le condizioni climatiche che potremmo affrontare a Sepang”.

Parole che attestano il suo stato attuale, positivo e concentrato, a cui ne seguono altre relative alla nuova monoposto. “Il fine settimana sarà tosto, ma sono impaziente di guidare la MP4-30 per la prima volta in un weekend di gara e tornare a correre. Ho trascorso un po’ di tempo al simulatore e sono stato in fabbrica per aiutare la squadra con lo sviluppo del nostro pacchetto. Credo che la nostra vettura abbia un grande potenziale, quindi dobbiamo continuare a spingere per tirarlo fuori”.

Nel frattempo, le cose a Melbourne non sono andate esattamente come l’asturiano poteva aspettarsi, ma Alonso riesce a cogliere comunque delle indicazioni positive dalla prima gara stagionale. “Ho seguito il weekend del GP d’Australia molto da vicino e sono stato in contatto con il team dal momento in cui sono arrivati a Melbourne. E’ chiaro che abbiamo tanto lavoro da fare ma il risultato ottenuto da Jenson è incoraggiante dal punto di vista dell’affidabilità e della raccolta di tanti dati importanti. Vorrei ringraziare anche Magnussen per i suoi sforzi: mi dispiace davvero molto che non sia riuscito neppure ad arrivare in griglia”.