Per ogni appassionato di Formula 1 non potrebbe esistere un Mondiale senza il Gran Premio di Monza. Non è della stessa idea Bernie Ecclestone, patron del circus automobilistico che interpellato dall’agenzia Ansa ha sottolineato come l’addio a Monza sia sempre più vicino. “Stiamo cercando di risolvere il problema di Monza, ma è molto difficile perché si tratta di un problema politico”ha confermato Ecclestone durante la breve intervista. Il numero uno della Formula 1 ha confermato il lavoro per spostare il Gran Premio d’Italia da Monza al tracciato di Imola ma, in caso di fallimento, l’Italia dovrà dire arriverderci ai gran premi.

Non è della stessa idea Angelo Sticchi Damiani, presidente di ACI, che ha subito risposto alle dichiarazioni di Ecclestone confermando che: “ “In queste ultime ore sono stati risolti definitivamente tutti i problemi che c’erano con Regione, Comune di Milano, Monza e l’Ente Parco. C’è un accordo tra Aci Milano e Sias e stiamo predisponendo un’offerta vincolante da inviare alla Fom”. Secondo Sticchi Damiani la Formula 1 correrà a Monza ancora per diversi anni.

Ad Imola ovviamente non stanno a guardare e sono già pronti ad ospitare la Formula 1, assente sul circuito del Santerno dal 2006. “Imola ha già firmato una proposta contrattuale con Ecclestone e l’ha sottoposta all’approvazione dell’ACI” ha dichiarato Uberto Selvatico Estense, presidente di Formula Imola. “Da Ecclestone arriva una seconda opportunità all’Italia di avere un Gp di Formula 1 – ha commentato Selvatico Estense –dipende dal presidente Angelo Sticchi Damiani se conservarlo o perderlo”.