Ford ha presentato, durante il Mobile World Congress di Barcellona, le sue smart e-bike, che nell’ottica dell’azienda americana rappresentano il futuro della mobilità intermodale. L’azienda, nell’ampliare il suo Smart Mobility Plan, ha dunque presentato al mondo il suo nuovo esperimento per il quale ha sviluppato, come detto, due ‘smart e-bike’, prototipi che comunicano con smartphone, auto e infrastrutture.

Il programma di sperimentazione, che si chiama Handle on Mobility, si basa su di un’applicazione in grado di identificare in tempo reale la modalità di trasporto più rapida, efficiente e comoda in base a condizioni del traffico, meteo e tempo a disposizione. Di fatto, una App che ti pianifica il tragitto selezionando automaticamente i mezzi più idonei a percorrere i singoli segmenti del percorso in oggetto.

Ma il Mobile World Congress è servito a Ford a presentare anche il programma Info Cycle, un’ulteriore iniziativa di raccolta dati basata sul protocollo open-source OpenXC: qui ogni bicicletta può trasformarsi in un centro di raccolta dei dati sul traffico e sulla circolazione urbana. Un ulteriore passo avanti per lo Smart Mobility Plan, la strategia di Ford per cercare di cambiare il modo in cui il mondo si muove attraverso l’implementazione di soluzioni di ‘smart mobility’ basate su innovazione, connettività, guida autonoma ed efficienza.

Esistono diversi modi di spostarsi in città, ma non sempre è facile scegliere la soluzione di trasporto o la combinazione più efficiente”, ha spiegato Ken Washington, Vice Presidente Ricerca e Ingegneria Avanzata, di Ford. “Potersi destreggiare con agilità tra auto, autobus, treno ed e-bike, adattando i propri spostamenti in tempo reale in base alle condizioni, può trasformare il modo in cui le persone si muovono nelle grandi città, sia per i cittadini che le aziende che offrono servizi come il recapito delle merci o l’assistenza medica”.