A un anno dal suo lancio ufficiale, avvenuto a marzo 2013, la nuova Fiesta ST ha già conquistato 22 riconoscimenti un tutto il mondo che le valgono di diritto un posto speciale nell’Olimpo delle auto sportive. L’icona di casa Ford ha stabilito un nuovo record tra le compatte Ford ad alte prestazioni collezionando pareri entusiasmanti sia in Europa che negli Stati Uniti: BBC TopGear Magazine (Gran Bretagna) ha nominato la Fiesta ST ‘Car of the Year 2013′ definendola “un’auto che ti fa sorridere ogni volta che la guidi e l’auto più godibile del 2013″ mentre Auto Bild (Germania) l’ha posizionata in testa alla classifica, definendola “semplice, accessibile, appariscente se lo desideri e davvero veloce quando necessario”.

L’americano Road & Track sottolinea, invece, che “affronta le curve in terza e in quarta senza alcuna indecisione e neanche l’ombra del sottosterzo, grazie al Torque Vectoring Control”. Tra i riconoscimenti quello di ‘Sports Car of the Year 2013′ di Echappement (Francia) e un premio in Cina da TopGear Magazine come ‘Best Performance Car nel 2013′. Spinta da un motore EcoBoost 1.6 da 182 cavalli e 240 Nm di coppia, la Fiesta ST accelera da 0 a 100 km/h in soli 6,9 secondi e raggiunge i 220 km/h.

La praticità nell’utilizzo di tutti i giorni è assicurata dall’efficienza (5,9 l/100 km) e dalle basse emissioni (138 g/km CO2), ridotte del 20% rispetto alla precedente generazione, nonostante l’aumento del 20% della potenza rispetto al motore 2.0 che la equipaggiava. Il team Ford che ha lavorato alle dinamiche di guida della Fiesta ST ha inoltre vinto, nel 2013, il riconoscimento come Dynamics Team of the Year, e il responsabile del team David Put è stato insignito del titolo Dynamicist of the Year.

LEGGI ANCHE

Nuova Ford Fiesta ST: va più forte e consuma meno, il video

Ford Fiesta ST Ken Block: in Europa il re delle acrobazie

Ford Fiesta ST: test drive a Barcellona durante gli X Games

Nuova Ford Mustang 2014: foto e video dal Salone di Ginevra

Nuova Ford Focus 2014: ecco il modello più hi-tech di sempre

Rally del Ciocco 2014: Basso e Ford nella storia