Se volessimo trovare un denominatore comune ai primi quaranta giri sul circuito di Shanghai dovremmo parlare dei problemi ai box che hanno determinato il ritiro di Schumacher e la perdita da parte di Button del primo posto. Ma la gara si è infiammata nel finale. 

Il finale di Shanghai è stato a dir poco emozionante: al giro 41 la situazione in pista vede Rosberg al comando, seguito da Massa, Raikkonen, Vettel, Button, Grosjean, Senna, Webber, Maldonado, Hamilton ed Alonso.

Il ferrarista, dopo pochi giri, tenta il sorpasso su Maldonado e va dritto sull’erba perdendo posizioni a favore di Perez. Rosberg cerca di osservare quel che gli accade intorno. E’ impensierito da Raikkonen e dalla cavalcata di Hamilton.

Al giro 46 l’attenzione è tutta per la sfida tra Grosjean, Maldonado, Perez ed Alonso. Ma ci sono molti altri duelli in atto: quello tra Vettel e Raikkonen per esempio, oppure quello tra Hamilton e Webber vinto dal pilota McLaren.

Al giro 49 i fan Red Bull hanno iniziato a sperare visto che Vettel era proprio dietro Rosberg, ma niente di fatto, l’iridato ha dovuto lasciare il passo ad uno scatenato Button che sul finale di gara si è portato in seconda posizione.

Rosberg ha ancora 25 secondi su Button e per questo va a guadagnarsi il suo primo podio con la Mercedes.